Stampa questa pagina

Prato ombra

Scritto da Lunedì, 01 Febbraio 2016 09:06;

Quando si pensa alla realizzazione di un prato, il pensiero va ad una distesa soleggiata ed ampia dove il verde del prato si mischia alle varie tonalità degli arbusti e degli alberi... la difficoltà si presenta quando la scarsa luminosità dovuta alla presenza di edifici e alberi rende impegnativo l'attecchimento e la cura amorevole e costante dell'erba.

Dopo aver cercato di mantenere la calma, vedendo che il tappeto erboso inizia a perdere vigore e le foglioline ingiallire, dopo aver curato il proprio stress occorre cercare di evitare il più possibile lo stress al tappeto erboso. Come?

Mantenere un'altezza di taglio di 8 / 9 cm.

 

Potare il più possibile gli alberi, per permettere più circolazione d'aria e luce.

 

Occorre ricordare che un tappeto erboso in ombra necessita di minor irrigazione rispetto ad un tappeto in pieno sole. Questa regola però non vale all'inizio della messa a dimora perché all'inizio, per far attecchire l'erba, occorre più umidità possibile e solo successivamente si deve diradare l'irrigazione (che comunque è meglio avvenga al mattino).

Gioverà applicare - ogni 2 o 3 mesi - un fungicida per bloccare sul nascere l'insorgere di malattie.

Dopo essersi occupati di tutte queste problematiche, inizia la parte divertente e ancor più bucolica: la scelta delle piantine da accompagnare al tappeto.

 

Lungo il perimetro del prato si possono inserire delle hoste (ventricosa, sieboldii), delle aquilegie chrysantha, senza dimenticare il vastissimo mondo delle edere.

Amelie

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.